La Musica è Vita.

La musica è il dizionario dei sogni,

con essa si può comunicare senza parlare,

volare senza avere ali

rivivere o andare avanti,

divertirsi o piangere.

venerdì 28 novembre 2008

Mentre tu cerchi...vengono piantati alberi

Ecocho è un nuovo motore di ricerca che cerca di fare la differenza per quanto riguarda i cambiamenti climatici.



Per ogni 1000 ricerche eseguite dagli utenti su Ecocho, vengono sponsorizzati due alberi attraverso la pubblicità sul sito . (con cui si riesce ad annullare una tonnellata di gas serra).


1) Come funziona Ecochoco?

Ecocho guadagna attraverso le pubblicità di Yahoo sulle pagine dei risultati delle ricerche. Ecocho utilizza questo denaro per acquistare buoni ambientali governativi (i cosiddetti “carbon offset”, buoni per contrastare l’emissione di anidride carbonica), che utilizza poi per pagare la messa a dimora degli alberi.

2) I risultati delle ricerche sono gli stessi di Yahoo?

Sì! Yahoo forniscono i risultati a Ecocho, proprio come se le ricerche fossero effettuate con il suo sito.

3) Che vantaggi mi offre Ecochoco?

Usando Ecocho, aiuterai a combattere i cambiamenti climatici.
Più userai Ecocho come motore di ricerca per internet, più alberi potranno essere finanziati! Aiuterai anche ad aumentare la consapevolezza sul cambiamento climatico.

4) Perchè piantare alberi?

Sapevi che gli alberi sono molto importanti per l’ambiente?
Mangiano energia carbonica (o ”CO2”) pericolosa e producono molto ossigeno salutare.
Troppa CO2 è la causa maggiore del riscaldamento globale.
Perciò gli alberi aiutiano a salvare il pianeta, un albero alla volta!

5) Quanto costa Ecochoco?

Niente, è completamente gratis.
La cosa che spendi sono alcuni secondi per aggiungere Ecocho ai preferiti.

CLICCA QUI: http://www.ecocho.it/ecocho-tools.php




SE VUOI AIUTARE SEMPLICEMENTE NAVIGANDO ISCRIVITI ANCHE A MANYEGO
PER IL SOSTEGNO DEI BAMBINI DEL GHANA:

http://it.manyego.com/






mercoledì 26 novembre 2008

Le origini del Biliardo

Ma qual'è l'origine del Biliardo ? Quando fù l'invenzione propria del Biliardo?
le opinioni sono ancòra più disparate.
Ma quasi come tutto ciò che allevia la nostra attuale esistenza, anche il Biliardo è venuto su da sé a poco a poco, per forza di tempo, evolvendosi e perfezionandosi a mano a mano attraverso le generazioni.
Nulla di più semplice, infatti, di concepire un corpo più o meno atto a rotolare, sferico, spinto su di una superficie più o meno piana, con l'intenzione di fargli raggiungere uno scopo qualsiasi.
Non vediamo tuttora i ragazzi, in certe vie remote, spingere le arance sul suolo per colpirne un'altra o cadere in una buca precedentemente preparata?
Non ci dà tutto questo l'idea di un Biliardo primitivo?
E se tutto ciò avviene su di un prato verde, l'idea non è ancòra più somigliante con il panno verde?
E se vogliamo un altro esempio: chi non ha osservato qualche volta nelle bettole campagnole un quadrilatero sul suolo, abbastanza spianato e liscio, cinto da assi di legno, tentando ciascun giocatore di avvicinarsi con la propria bilia ad un'altra più piccola?
Non è forse questo un Biliardo primitivo?
Difatti, eleviamo da terra questo piano, perché lo stare curvi incomoda, ricopriamolo con un tappeto verde, un panno, per renderlo più liscio e fare scorrere meglio le bilie; gli assi laterali copriamoli con qualcosa di morbido per raddolcire l'urto ed il rumore; non è questo un Biliardo?
E perché gli antichissimi nostri padri non avrebbero dovuto pensarci, perché ai monelli dell'epoca romana non doveva sorgere l'idea di fare rotolare sul prato o sul suolo piano un'arancia, un pomo, un corpo qualsiasi poco angoloso?

Pare dunque vano affannarci a ricercare il primo che ebbe tale idea; certamente dal prato, dal quadrilatero delle bettole al Biliardo quale ora è, la differenza è enorme; ma solo nei dettagli, il principio è lo stesso.
Così pure si pretende che in Inghilterra un certo William Kew nel 1550 usasse la sera, dopo gli affari, per distrarsi, spingere con la yard (asta di legno lunga uno yard, misura inglese) sull'ampio scrittoio ricoperto di stoffa verde, le tre bilie che aveva per insegna sulla sua bottega, e così dal diminutivo di William, che è Bill e da yard sarebbe derivata la parola "Bill-yard" e quindi Billiard cioè Biliardo.
Un po' astrusa, in verità!

Si vuole ancòra trovare l'origine del nome e del gioco stesso in un altro antichissimo passatempo inglese che si esercitava con sfere sui prati (ma gli inglesi in ogni epoca sono stati sempre fanatici per lo sport) e che si chiamava appunto Bayllard.
Ma tutte queste versioni si perdono sempre nella fatidica notte dei tempi.
Certo, nessuno ancòra ha mostrato il Biliardo che fu tolto a Maria Stuarda o che Carlo IX lasciò la notte di San Bartolomeo, o quello che serviva a Luigi XIV a fargli smaltire le sue scorpacciate.
Uno di questi mobili di quell'epoca sarebbe un prezioso documento storico, perché ci insegnerebbe in quale stadio fosse allora questo gioco, e come era fatto e ci permetterebbe di valutare quali progressi si siano raggiunti fino ad oggi.

Il gioco del Biliardo è uno dei nobili, piacevoli, scientifici fra i giochi, ed uomini eminenti lo tengono in grande onore, lo apprezzano e lo gustano.
Nel 1820 il tedesco Wilhelm von Abenstein si interessò alle fonti storiche del gioco del Biliardo.
Il Vignaux contribuì moltissimo alla diffusione del gioco della Carambola.
E' con vero piacere che vediamo oggi la maggioranza civile, dai nobili agli umili, dai sommi ai mediocri, tutti amare e praticare tale gioco, e molti eccellere.
Il grande scrittore americano Mark Twain (foto a sin.) fu un accanito giocatore di Biliardo e, tra i primi, si fece installare un Biliardo in casa.
Egli ci ha lasciato anche un racconto che si imperniava tutto su di una famosa sfida al Biliardo.


E siamo così arrivati anche al cinema, a films come "Lo spaccone" magistralmente interpretato da Paul Newman, "Io, Chiara e lo Scuro" e "Casablanca, Casablanca", entrambi di Francesco Nuti.






Da ricordare, molto recente,
“Il colore dei soldi”, interpretato da
Paul Newmann e Tom Cruise.

Anche tra i grandi musicisti si citano, quali appassionati giocatori di Biliardo, Mozart e Verdi. In proposito si racconta che Verdi era proprio un accanito giocatore, mentre Mozart ebbe a dire ad un amico che soltanto il Biliardo poteva “rilasciare muscoli e nervi, dopo le fatiche creative più stressanti”.

Abraham Lincoln giudicava il gioco del biliardo " ispiratore di salute " , " scientifico" e “ ricreatore della mente affaticata”.
E, per il piacere dei “puristi della lingua” e di qualche “nostalgico”, gli aneddotisti raccontano di Mussolini che per riaffermare, con la purezza della lingua, l'italica paternità di un’invenzione contesa da francesi e inglesi ordinò: “ Si dica Bigliardo, non Biliardo! ”.

Ecco alcuni famosi dipinti di altrettanto famosi pittori:


“Au café” 1888 di Paul Gauguin.


“La partie de Billard” 1893 di P.G. Jeanniot.


“Le café de nuit” 1888di V. Van Gogh


"La partie de Billard" 1908 di J. Béraud.

Oggi constatiamo che questa passione si va diffondendo sempre di più, allettando gli intellettuali, affascinando il popolo.
Ed è perciò che il Biliardo, gioco eminentemente civile può dirsi un indice di progresso, della civilizzazione e della evoluzione dei popoli, perché‚ esso subentra là solo dove benessere e civiltà progrediscono.

a cura di Giuseppe di Corrado


ECCO PER VOI IL CORSO GRATUITO ONLINE DI BILIARDO

http://www.palazzettodelbiliardo.com/corso%20biliardo/indexbasi.html

La storia del Biliardo



Ricostruire la storia del Biliardo non è certo impresa facile; si rischia, forse, di perdersi nella notte dei tempi.
In un passo della sua Odissea, circa tremila anni fa il grande Omero (anch'egli sepolto nel mito) accenna al gioco dei birilli; e potremmo considerare i birilli quali antenati del Biliardo.
Ciò farà certo felici i giocatori di "5 Birilli".
Ancora, in alcuni bassorilievi scolpiti da artisti ateniesi, si possono notare dei giovani che, tenendo tra le mani dei lunghi bastoni ricurvi, si contendono una bilia.


Il 1429, anche se molto discusso, pare sia l'anno della fondazione del Biliardo.
Apparve, infatti, a Parigi un libro dal titolo "Journal d'un bourgeois de Paris" d’autore sconosciuto nel quale era spiegato come dovesse essere giocato il gioco del Biliardo (Billard).
Bisognava fare scorrere sul terreno delle bilie spingendole tramite, appunto, bastoni ricurvi.
Carlo IX, sovrano di Francia, si appassionò moltissimo a questo gioco.
Ma già gli inglesi coltivavano da qualche tempo un gioco simile all'attuale "Croquet", che originava dal vecchio gioco francese detto "Bilie-Maille" (Biliamaglio o Pallamaglio).



Da molti però si vuole che il vero inventore del Biliardo sia stato Enrico Deligne.
Dal "Mall" (termine inglese) sarebbe dunque derivato il Biliardo e dobbiamo ai prati verdi della Gran Bretagna il colore del panno attuale.

Vedete dunque che le idee non sono abbastanza chiare per quanto riguarda la vera origine del Biliardo.

Il primo tavolo da Biliardo di cui si ha notizia è quello ordinato da Luigi XI, sovrano di Francia, nel 1470.
Una notizia ancòra più precisa è quella che ci informa come nel XV secolo un certo Francois Villon, morto nel 1489, tra le altre cose lasciò agli eredi nel proprio testamento "un biliardo nel quale è spinta la bilia".

In alcuni documenti si accenna al fatto che nel 1500 Napoli fosse una delle prime città in cui il Biliardo prendesse voga.

Una antica sala da Biliardo, in Italia. (a Napoli).

Altre seguirono, come Mantova e Firenze.
Anzi in quest'ultima se ne cita il nobile Pandolfo de’ Pucci come il primo introduttore, ed ivi il poeta Niccolò Martelli compose una bella canzone (un madrigale) sul Biliardo (chiamato anche "Gugole", probabilmente dal tedesco "Kugel" che significa bilia).

Altri ci narra che Carlo IX, il 24 agosto 1572, durante la terribile notte di San Bartolomeo, abbandonò la stecca per accorrere sulla veranda della sua magione a tirar d'archibugio sugli Ugonotti e sul popolo tumultuante.
Altri cita Maria Stuarda che, imprigionata nel castello di Fotheringay, nel 1587 si lagnava con l'arcivescovo di Glasgow d'essere stata, dai suoi carnefici, privata del suo tavolo da gioco.
Si narra che, il corpo senza testa della Regina di Scozia, dopo la sua esecuzione capitale, venisse avvolto nella stoffa verde del suo Biliardo.

Nel 1514, nell'inventario dei mobili di Carlotta d'Albret (madre di Enrico IV re di Francia) saltò fuori un Biliardo ricoperto di panno verde.

E' nella scena quinta del secondo atto della tragedia "Antonio e Cleopatra" (1609) di W. Shakespeare che troviamo il primo accenno storico al gioco del Biliardo; infatti, la famosa regina gioca una partita a Biliardo con il suo eunuco favorito Charmian.
Ma poiché l'accenno si riferisce ad un periodo molto anteriore alla nascita di Cristo è certo che il Biliardo di cui si parla nella tragedia non può essere quello che si pratica oggi ed inoltre non si è certi che l'autore non sia venuto meno, per le sue esigenze poetiche, alla fedeltà nei riguardi della verità storica.

Nel 1616, Ben Jonson menziona la levigatezza di una palla da Biliardo nel suo dramma “Il Diavolo è un asino”.
Dobbiamo giungere al XVII secolo per trovare finalmente la spiegazione della parola "Biliardo" in un libro edito nel 1668: "Il Biliardo è una specie di gioco che si svolge su un tavolo sul quale è teso un panno e le bocce sono spinte l'una contro l'altra con una punta di legno chiamata biliardo".
Dunque quella punta di legno corrisponde alla nostra stecca di oggi, anche se è molto improbabile che essa avesse le caratteristiche attuali.
Certo è che per "carambolare" si intendeva "colpir un bersaglio".

Già nel 1591 Edmund Spenser, poeta alla corte della regina Elisabetta d'Inghilterra, scriveva:
"With dice, with cards, with billiards far unfit with Shutter cocks, miss mind manly wit.”
facendo chiaro riferimento al Biliardo.
E qui mi cimento in una difficile traduzione, perché da un inglese arcaico:
“Con i dadi, con le carte, con i biliardi, incapace coi galli di Shutter, perdo la testa e la saggezza dell’uomo.”

Nel 1610, in Francia, con l'autorizzazione ad aprire locali pubblici, conferita alla Corporazione dei "Billiardiers et Paumiers", anche il popolino poté beneficiare di questo gioco riservato sino allora soltanto ai nobili.

Durante il regno di Giacomo I gli inglesi praticavano il gioco del Biliardo con tre bilie su di un tavolo di Mt. 3,60 x Mt. 1,80.
Il tavolo e le sponde erano di legno e vi erano otto buche.
Invece in Francia i Re praticavano il Biliardo francese, senza buche.
Sul finire del 1600, Luigi IV, che doveva mantenere una corte di circa 3.000 persone, fa installare un Biliardo in una sala del suo nuovo palazzo di Versailles, con 26 candelieri e 16 candelabri da pavimento. H. G. Wells scriverà più tardi di lui: ”Quel Luigi guidò il suo paese verso il fallimento, con una dignità così elaborata, che ancora oggi esorta la nostra ammirazione.”
A tale proposito si racconta che Luigi XIV, che era un gran mangiatore e bevitore, era solito giocare a Biliardo per digerire.

Re Luigi XIV

Infatti, il suo medico di nome Fagon, per fargli digerire la piramide di vettovaglie inghiottite, gli aveva raccomandato di giocare molto a Biliardo.
Ed una ragione c'era! infatti, il tavolo misurava non meno di dodici metri di perimetro, le stecche pesavano circa sei volte il loro peso attuale e le bilie erano molto grosse e pesanti, tanto che per fare una carambola a tre sponde bisognava avere la forza di Ercole!
Tra i cortigiani coi quali il re Sole giocava a Biliardo v'era un certo Chamillart la cui forza e le cui destrezza nel giocare gli valsero titoli e cariche onorifiche, tanto che quando egli morì nel 1721 il suo epitaffio lo ricordava in tal modo:

Qui giace il famoso Chamillart,
protonotario del suo re;
egli fu un er
oe al biliardo,
ma uno zero come ministro.

Nel 1792, Luigi XVI e Maria Antonietta giocano a biliardo nella vigilia del loro imprigionamento. Si dice che la sua stecca sia stata foggiata da un’unica zanna di elefante e decorata con lavori ad intarsio di oro.
Si dice che Lei strabiliò il Re nel finale della partita. Lo scrittore americano John Grissim ebbe a dire:" La donna era in gran forma, ma lo fu anche il suo carnefice."

Thomas Jefferson vorrebbe installare un tavolo di biliardo in Monticello ma è contrastato dal Governo che proibisce categoricamente il gioco.

Il primo libro in inglese dedicato completamente al gioco del Biliardo appare con E. White in “Un Trattato Pratico sul Gioco di Biliardo”, a Londra nel 1807.

Durante l’esilio a Sant’Elena, Napoleone, appassionato ed entusiasta giocatore di Biliardo, riceve, con grandissima gioia, un tavolo da gioco, espressamente speditogli dall'Inghilterra.
E persino Giorgio Washington giocò una memorabile partita a due col Generale francese Lafayette, in visita da lui.

Durante il regime del Terrore, fatto prigioniero, il capitano Mingaud, nel 1790, passava il tempo a scrivere cose di Biliardo; proprio a lui si deve, nei primissimi anni del 1800, tutta una serie di innovazioni riguardanti la stecca.Il Mingaud pensò, infatti, che la punta della stecca, che prima terminava a mò di una sezione di cono, si dovesse ricoprire con un pezzetto di cuoio.
Questa invenzione permise di effettuare i "rétro" ed i "massé‚" che allora sembravano stregonerie.
Dopo la sua liberazione, il capitano Mingaud si mise a viaggiare per l’Europa, dando esibizioni sui colpi che potevano essere eseguiti con le “diavolerie” da lui inventate.
Uno spettatore ebbe a gridare “Costui ha la mano del Diavolo in persona!”

Si ha notizia che Napoleone I degnava il Biliardo delle sue attenzioni durante i brevi momenti d'ozio.
Si vuole pure che Pio IX alternasse le passioni politiche con quella del Biliardo.

La passione per il gioco coinvolgeva a poco a poco quasi tutti ed anche uomini di scienza; infatti, un grande matematico di quell'epoca, Coriolis, pubblicò nel 1835 un'opera dal titolo "Teoria matematica degli effetti nel gioco del biliardo".
In essa si trovano le prime nozioni sulla teoria dell'urto dei corpi elastici.

Etienne Loysson scrisse un'opera sulle regole del gioco del Biliardo, poiché notava (come ci informa il grande Maurice Vignaux) che "molte persone per bene "litigavano"a cagione del gioco".

Così giungiamo al 1854, anno in cui l'americano Phelan inventò la sponda elastica che fu ricoperta dallo stesso panno che da poco tempo si tendeva sul tavolo da gioco.
Anche in quel periodo una società americana, Brunswick-Collender & C., sostituì il piano di legno con l'ardesia.

E' dunque in quest'epoca che il Biliardo assume la sua forma definitiva; bilie d'avorio (oggi di materiale sintetico), piano di gioco d'ardesia, sponde elastiche ricoperte di drappo fine e tappi di cuoio alle estremità delle stecche.

E' nel 1855 che è giocata a San Francisco la prima partita ufficiale di carambola tra l'americano Phelan e il francese Damon, in tre riprese di 100 punti ciascuna e su un tavolo di Mt. 3,60 x Mt. 1,80.
La partita fu vinta da Phelan al quale riuscì la serie più lunga: ben nove carambole consecutive!
E ci volle parecchio tempo prima che aumentasse il numero di carambole consecutive ed era opinione comune che nessuno riuscisse a realizzare 50 punti consecutivi.
Una ragione c'era alla base di tale opinione; infatti, anche se il diametro delle bilie era stato ridotto di molto e da alcuni chili di peso erano stati tolti alle stecche, tuttavia si continuava a giocare violentemente perché si credeva che le più belle carambole fossero quelle che, una volta eseguite, allontanassero quanto più possibile le bilie l'una dall'altra.

Nel 1873 il gioco si era molto diffuso ed il primo campionato del mondo di carambola fu organizzato in America, precisamente allo Irving Hall di New York, su un tavolo di Mt. 2,85 x Mt. 1,425, dimensioni che tra l'altro non sono più cambiate.
Le partite erano giocate a 300 punti ed il campionato fu vinto dal maestro francese Albert Garnier che, tra le altre, realizzò una serie di 118 punti.

Nel 1889 il Vignaux pubblicò un manuale dal titolo lunghissimo; " Théorie des effets, coups de séries, détermination du point de choc, quantité de billes, différence entre le point de choc et le point de visé, angles de déviation, vis‚ spéciale des coups de finesse, etc."



a cura di Giuseppe Di Corrado.



ECCO PER VOI IL CORSO GRATUITO ONLINE DI BILIARDO

http://www.palazzettodelbiliardo.com/corso%20biliardo/indexbasi.html






giovedì 20 novembre 2008

ECCEZIONALE INTERVENTO DI UN MEDICO VIAREGGINO

                         da www.viareggiok.it

paolo macchiariniEccezionale trapianto di trachea in Spagna realizzato da una equipe guidata da Paolo Macchiarini, medico viareggino. L’organo è stato impiantato su una giovane donna di 30 anni, che aveva subito il danneggiamento della trachea a causa di una tubercolosi. Ne dà notizia la rivista scientifica The Lancet. L’intervento è stato realizzato nel giugno scorso da Paolo Macchiarini, responsabile del Servizio di Chirurgia Toracica della Clinic de Barcelona, in collaborazione con specialisti del Politecnico di Milano, delle università di Bristol e di Padova.

Per far sì che il sistema immunitario del ricevente accettasse la trachea senza l’uso di immunosoppressori, i ricercatori hanno fatto ricorso ad una tecnica nota come ‘ingegneria dei tessuti’. Il risultato è una sorta di organo ‘ibrido’ tra donatore, un uomo di 51 anni morto per emorragia cerebrale, e paziente.


ANCORA UNA VOLTA UN GRANDE VIAREGGINO NEL MONDO! QUESTA VOLTA PERO' PECCATO CHE SIA "NEL MONDO" E NON IN ITALIA..... UN'ALTRA FUGA DI "CERVELLI" DAL NOSTRO PAESE!!! BRAVO, COMUNQUE! CI FAI ONORE!

mercoledì 19 novembre 2008

Per gli abitanti dell'isola è un grande spettacolo.............. per noi tutt'altro ..........

Non è mia abitudine linkare da altri blog, come in questo caso quello di Beppe Grillo, ma questa è una notizia da diffondere!


Stop the whales massacre!



Vi riporto il testo, ma per le immagini ed il video andare sul blog di Grillo!
Evitate di andarci dopo mangiato!


Quando i delfini balena si avvicinano alle isole Far Oer della Danimarca è un giorno di festa.
Le scuole chiudono e i bambini si recano in spiaggia insieme ai genitori.
La popolazione, vestita con i costumi tradizionali, si appresta a ricevere i cetacei.

I delfini balena arrivano in gruppi, molte femmine con i piccoli. Sono animali socievoli, curiosi e non hanno timore dell'uomo.
E' il grande spettacolo di autunno per gli isolani.
In motoscafo spingono le balene nelle baie dove l'acqua è poco profonda.

Quindi si avvicinano con fiocine di due chili e le piantano più volte nelle carni degli animali finchè non li hanno immobilizzati.
I carnefici delle Far Oer possono allora estrarre i coltelli da 15 centimetri e tagliare grasso e carne viva per trapassare la spina dorsale.
I piccoli danesi applaudono mentre le balene gridano. Non lo sapevate? Le balene gridano come gli esseri umani quando sono macellate.
L'acqua acquista un bel colore rosso sangue. 2.000 balene sono trascinate sulla riva dai coraggiosi abitanti delle Far Oer per essere lasciate agonizzare. La maggior parte marcisce ed è ributtata a mare.

Il delfino balena è una specie protetta e non si conosce il numero di esemplari ancora esistente.
Invito i lettori del blog a non recarsi in vacanza nelle isole Far Oer o a comprare prodotti danesi fino a quando questo ignobille massacro durerà.
Inviate una mail alla regina di Danimarca per chiederle di intervenire e promuovete questa iniziativa sul vostro blog.

Stop the whales massacre!

martedì 18 novembre 2008

VIAREGGIO - LA STORIA DEL CARNEVALE



VOGLIO SEGNALARE UNA BELLISSIMA REALIZZAZIONE CHE HO TROVATO SU YOU TUBE FIRMATA DA "ALEDPL2".
UNA SERIE DI FILMATI ANCHE D'EPOCA CHE RIPERCORRONO LA STORIA DEL MITICO CARNEVALE DI VIAREGGIO DAL 1873 AD OGGI.
IL TUTTO E' MAGISTRALMENTE COMMENTATO CON IN SOTTOFONDO LE STORICHE MUSICHE E CANZONI CARNEVALESCHE.

ECCO L'INTRODUZIONE




COLLEGANDOVI AL SEGUENTE LINK POTRETE VEDERE LA PRIMA PARTE E LE SUCCESSIVE.


http://it.youtube.com/watch?v=xsbKyOu9yhs




STUPENDO...




mercoledì 12 novembre 2008

E' ARRIVATA GIULIA !!!



SONO LIETO DI ANNUNCIARE AL MONDO CHE IERI 11 NOVEMBRE ALLE ORE 18.00 E' FINALMENTE NATA GIULIA, UNA BELLISSIMA BIMBA DI 3,700 KG., FIGLIA DEL NOSTRO CO-AUTORE DEL BLOG,"PASMA". 
UN MONDO DI AUGURI E UN ABBRACCIO A MAMMA E PAPA'.

LO ZIO (il_viareggino)

martedì 11 novembre 2008

"Tu devi solamente credere"



IL CASO NON ESISTE


video


Maestro maestro , io ho.... emh.... una bruttissima notizia
Ah Shifu....... esistono solo le notizie non sono ne belle ne brutte

Maestro, la vostra visione era giusta, Tailun è evaso di prigione, è diretto qui
Questa è una brutta notizia............. se tu non credi che il Guerriero Dragone possa fermarlo.
Il Panda?
Maestro , quel panda non è il guerriero Dragone
Lui non dovrebbe nemmeno trovarsi qui..........è stato un caso
Il caso non esiste
Si lo so lo avete già detto , due volte
Beh ....Neanche questo è stato un caso
E fanno tre
Mio vecchio amico il panda non adempierà mai al suo destino
ne tu al tuo ............se non rinuncerete all'Illusione del controllo
Illusione?
Guarda quest'albero Shifu...... non posso farlo fiorire quanto mi aggrada .....ne farlo fruttificare prima del suo tempo
Ma delle cose le possiamo controllare, posso controllare quando cade la frutta e posso controllare dove piantare il seme, questa non è un illusione maestro

Ah si........Ma qualunque cosa tu faccia quel seme crescerà
e diventerà un pesco, magari tu desideri un melo o un arancio ma otterrai un pesco
Ma un pesco non può sconfiggere Tailun
Può darsi di si se sei disposto guidarlo a nutrirlo a credere in lui
Ma come , come? ......Mi serve il vostro aiuto maestro
No ......tu devi solamente credere
promettimelo shifu, promettimi che tu crederai
Io , io ci proverò
Bene................
è giunta la mia ora
devi continuare il tuo viaggio senza di me
Cosa state , aspettate, ..............maestro,........ non potete lasciarmi

TU DEVI CREDERE







"THE SECRET" SETTIMA PARTE



PER LA PRIMA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Il segreto è credere


PER LA SECONDA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: LE MIE, LE TUE, LE SUE CITAZIONI........


PER LA TERZA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Volere è potere

PER LA QUARTA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Improvvisazione, sentimento e libertà.............


PER LA QUINTA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Il potere dell'Attrazione

PER LA SESTA PARTE CLICCA QUI:

Il Blog di..... Heidi: MOLLARE NON MOLLARE..........

PER L' OTTAVA PARTE CLICCA QUI:

Il Blog di..... Heidi: L'esser contenti è una ricchezza naturale, il lusso è una povertà artificiale

lunedì 10 novembre 2008

COMUNE DI VIAREGGIO - NOMI DI STRADE AL FEMMINILE

Dal sito www.viareggiok.it

Quanti sono i nomi femminili sulle targhe stradali?

Pochissimi, se si escludono le sante.

Vie, piazze, larghi, parchi sono quasi sempre intitolati a uomini.

C’è sì qualche Anita Garibaldi in giro per l’Italia - che comunque brilla di luce riflessa - o qualche Maria Montessori, ma la sproporzione “di genere”, come si dice oggi, è enorme.

Cancellate dalla storia e dalla cultura, le donne non possono che essere cancellate anche visivamente.

Per sanare l’ingiustizia, il Comune di Firenze ha allora varato le quote rosa stradali.

Dunque, a Firenze da ora in avanti si fa metà e metà: il 50% delle vie intitolate a personaggi maschili, l’altro 50% a personaggi femminili.

E’ stata una donna, naturalmente, ad avere l’idea.

Lucia Matteuzzi, consigliera comunale del PD ed ex pasticciera, è rimasta sconcertata nello scorrere la lista della commissione toponomastica fiorentina: tra i nomi candidati alle nuove targhe stradali 188 erano di uomini, 12 di donne.

Da lì la proposta delle quote, approvata dal Consiglio comunale con un sì bipartisan ma bocciata da verdi e comunisti italiani.

Ora però il Comune di Viareggio sta valutando se seguire la stessa strada.

«E’ un’idea - dice il sindaco Luca Lunardini, PDL - una proposta forse un tantino demagogica, quella fiorentina, ma sicuramente interessante».

E l’assessore alla toponomastica, Nicodemo Pistoia, è d’accordo: «Perché no? Nessuno ci aveva pensato».

A Viareggio qualche strada intitolata al femminile c’è, non fosse altro perché fu una donna l’artefice dello sviluppo di quello che era soltanto un borgo di pescatori, e cioè Paolina Bonaparte, una delle sorelle di Napoleone.

Proprio a lei è dedicata la strada più importante della città, almeno da un punto di vista simbolico: via Regia (da lì il nome Viareggio).

E c’è anche via Paolina.

Tra le intitolazioni recenti quella alle desaparecidas argentine.

Ma qui, come dappertutto, lo squilibrio resta enorme.

venerdì 7 novembre 2008

MOLLARE NON MOLLARE..........



VIVI IL PRESENTE







"EEEEHHHH forse dovrei mollare e tornare a fare gli spaghetti!!!

"MOLLARE NON MOLLARE...............SPAGHETTI NON SPAGHETTI,
ti preoccupi troppo di ciò che era e di ciò che sarà ;
c'è un detto : Ieri è storia , domani è un Mistero ma oggi è un Dono : per questo si chiama PRESENTE"








"THE SECRET" PARTE SESTA






PER LA PRIMA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Il segreto è credere


PER LA SECONDA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: LE MIE, LE TUE, LE SUE CITAZIONI........


PER LA TERZA PARTE CLICCA QUI
Il Blog di..... Heidi: Volere è potere

PER LA QUARTA PARTE CLICCA QUI
Il Blog di..... Heidi: Improvvisazione, sentimento e libertà.............


PER LA QUINTA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: Il potere dell'Attrazione

PER LA SETTIMA PARTE CLICCA QUI:
Il Blog di..... Heidi: "Tu devi solamente credere"

martedì 4 novembre 2008

Semplicente navigando : si potranno donare mesi di sostegno a bambini del Ghana


VI VOGLIO SEGNALARE :


UN INTERESSANTE E BELLA INIZIATIVA..........COSI' ANCHE CHI NON HA SOLDI PER FARE DONAZIONI..........ADESSO........PUO' AIUTARE I BAMBINI DEL GHANA................BASTA UN ISCRIZIONE E L'UTILIZZO DI QUESTO SITO:

http://it.manyego.com/






Il progetto "Aiuta OrphanAid Africa" di ManyEgo è una iniziativa a scopo benefico, del tutto singolare: con il semplice utilizzo delle varie funzioni della Community si potranno donare mesi di sostegno a bambini del Ghana

Il sistema è semplice: l’accumulo dei contributi per il sostegno dei bambini avverrà attraverso un sistema di punteggio interno alla Community (a ogni azione corrispondono dei punti) basato sull’interazione dell’utente con gli altri iscritti.

Ad ogni punto accumulato corrispondono 5 secondi di sostegno ad un bambino.

In questo modo si vogliono incentivare i giovani ad interessarsi alle tematiche sociali con il supporto di strumenti a loro affini.

L’obiettivo è di riuscire a donare in poco meno di 3 mesi (dal 13 Ottobre al 31 Dicembre) un totale di 300 mesi di sostegno per permettere a 25 bambini del Ghana di vivere 1 anno con serenità

Per partecipare all'iniziativa basta basta semplicemente iscriversi alla community (ricordiamo che l'iscrizione è completamente GRATUITA) e utilizzarla il più possibile, contribuendo ad aumentare i punti a sostegno della campagna.

OrphanAid Africa ( www.oafrica.org ) è un’organizzazione non governativa e rigorosamente non profit.

Il suo obiettivo è aiutare gli orfani ed i bambini in difficoltà in Ghana, farli crescere in un ambiente adatto, fornirgli un’alimentazione bilanciata, farli studiare e proteggerli.

PER ISCRIVERSI ALLA COMMUNITY :

http://it.manyego.com/go/join/



Sono i sentimenti che creano l'attrazione, non solo l'immagine o il pensiero. Vivi, senti, attua il tuo futuro come se stesse accadendo.
"Il mondo è nelle mani di coloro che hanno il coraggio di sognare e di correre il rischio di vivere i propri sogni. Ciascuno con il proprio talento" P. Coelho
Guarire significa imparare ad amarsi, a onorarsi, a rispettarsi.

Il conoscente e' quella persona di cui siamo abbastanza amici da chiedere un prestito, ma non tanto intimi da restituirlo.

> Ambrose Bierce
"Guarda le piccole cose perchè un giorno ti volterai...e capirai che erano grandi" Jim Morrison

GUARDA QUI

Ebook
I Migliori Ebook Crescita Personale, Professionale, Finanziaria
Affiliazione
Vuoi Guadagnare? Iscriviti Subito al Programma di Affiliazione
Autore?
Pubblica Online il Tuo Ebook! Il 60% è per te! Ottime Vendite!
AUTOSTIMA.NET: PNL & CRESCITA

Guida Programmi TV

Il segno più sicuro che si è nati con grandi qualità è l'essere nati senza invidia

- Titolo del sito IL BLOG DI HEIDI - Descrizione del sito IMPROVVISAZIONE SENTIMENTO E LIBERTA' - Parole chiave del sito IL SEGRETO THE SECRET MUSICA VIDEO SALUTE CONSIGLI AFORISMI NOTIZIE